A La Spezia ponte mobile sulla Pagliari

LA SPEZIA – Taglio del nastro preannunciato alla Spezia: l’inaugurazione del ponte mobile sulla darsena di Pagliari è avvenuta alla presenza del presidente dell’Autorità Portuale della Spezia, Lorenzo Forcieri, del capo del Dipartimento Marittimo Alto Tirreno, ammiraglio Franco Paoli, del sindaco della Spezia Massimo Federici, del prefetto Giuseppe Forlani, del vicario del vescovo Moraglia, monsignor Mendinelli che ha officiato una breve cerimonia di benedizione. L’evento è stato accompagnato dalla Banda Dipartimentale della Marina Militare.

Il ponte mobile sigla la riconsegna alla città del tratto di viabilità su viale San Bartolomeo e costituisce un’opera ingegneristica di grande pregio e complessità: lungo 21 metri, con un’antenna alta 14 metri che richiama per forma e proporzioni l’albero di una barca a vela completa di tiranti in acciaio; largo 12 metri, possiede due carreggiate da 3,75 metri e due corsie laterali per pedoni e pista ciclabile di 1,60 metri ciascuna. L’apertura, che permette il passaggio delle barche a vela, avviene in circa 2 minuti ed è consentita da un sistema oleodinamico.“Ritardi e problemi tecnici sono stati brillantemente superati”, ha detto Forcieri. Ci scusiamo dei disagi, purtroppo inevitabili, arrecati alla popolazione, ma sono stati superati con il ripristino ed il miglioramento della situazione preesistente. La darsena è costata oltre 9 milioni di euro, di cui circa la metà finanziata con contributo europeo ottenuto tramite la Regione e l’altra metà a carico dell’AP.“L’opera rappresenta il primo passo di un intervento più complessivo di riqualificazione di quest’area, la quale potrà essere ulteriormente ampliata con l’area delle casermette, e che avverrà appieno con la realizzazione della fascia di rispetto che andrà di pari passo con la realizzazione delle previsioni del PRP. Le due cose devono andare avanti assieme” ha continuato Forcieri.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*