Piccini: bene l’”ambo”

Ma gli brucia l’eventuale giudizio negativo sulle scelte per il porto del futuro – Si va verso il commissario?

Roberto Piccini

LIVORNO – Se ne dicono tante, ma una è lapalissiana: la candidatura di Roberto Nardi alla presidenza dell’Autorità Portuale ha sparigliato il gioco che doveva condurre alla riconferma senza ostacoli di Roberto Piccini. Ora non solo il gioco è riaperto, ma le chances di Piccini sembrano in netto calo. Lo pensano in molti, ma lui ostenta ancora calma; e fiducia nel risultato finale.

Presidente Piccini, che è successo?

“Dal punto di vista della procedura, sono successe cose del tutto legittime e corrette. Ovvio che sono rimasto sorpreso dalla scelta della Camera di Commercio di fare solo il nome di Nardi. Forse sarebbe stata possibile una designazione davvero unitaria ed unanime da parte di tutte le categorie su due nomi, come sembra fosse partita la vicenda”.

C’è chi l’ha presa come un giudizio negativo sui suoi primi quattro anni di operato.

“Mi auguro che non sia questa la chiave di lettura, perché sarebbe preoccupante. Abbiamo lavorato di concerto con istituzioni e categorie per arrivare finalmente ad un moderno piano regolatore portuale, che sblocchi una realtà rimasta al piano del 1953. Un giudizio negativo su questo obiettivo mi sembrerebbe quantomeno sorprendente”.


Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*