La Spezia archivia un buon 2015 con tutte le premesse per un boom

Il consuntivo dell’anno chiude con aumenti sia dei Teu che dei passeggeri: ma il vero rilancio arriverà con i lavori ferroviari, il trasferimento delle “marine”, l’allargamento del molo Garibaldi e il terzo bacino

Lorenzo Forcieri

LA SPEZIA – Un anno molto positivo per il suo porto, malgrado la crisi internazionale non sia ancora conclusa e molti dei grandi lavori programmati per dare altre e maggiori potenzialità allo scalo non siano ancora partiti. Lorenzo Forcieri, presidente dell’Autorità portuale spezzina, è soddisfatto, anche se non fa trionfalismi. E sottolinea che la visione della portualità nazionale andrebbe allargata a un orizzonte non puntiforme come oggi scalo per scalo, ma in un’ottica almeno nazionale, meglio se europea.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*