Sicilia al “coordinamento” dei sistemi o verso la secessione da Assoporti?

PALERMO – I sistemi portuali della Sicilia fanno sistema con un apposito protocollo: l’abbiamo già riferito nel numero scorso del nostro giornale. Ma sul documento firmato a Messina tra Antonino De Simone (commissario di Messina),  Andrea Annunziata (presidente per la Sicilia orientale) e Pasqualino Monti (Sicilia occidentale) si sta già scatenando il “dietrismo”. Ovvero: è un protocollo o una secessione?

Nel comunicato ufficiale che riporta le dichiarazioni dei tre firmatari del protocollo, c’è una frase che è subito diventata l’ago della bussola. Annunziata (Augusta e Catania) ha scritto testualmente: “La nostra non è una spinta autonomista (sic!) ma l’esperienza ci insegna che far sistema è una strategia ineludibile. Possiamo diventare un’alternativa ad Assoporti e presentarci insieme ai tavoli di Roma e Bruxelles per far pesare i porti e i rispettivi territori sul piano contrattuale. La Sicilia ha il dovere di prepararsi a competere nel mondo dei mercati globali. Le ZES possono essere un volano straordinario per attrarre investimenti nelle aree di pertinenza”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*