Se ci sei batti un colpo

FIRENZE – Lo scrivo a cuor sereno, perché nessuno dei miei quattro lettori potrà mai accusarmi di piaggeria nei confronti del governatore della Toscana. Anzi, semmai l’ho sculacciato più d’una volta, per quanto possano contare le mie critiche. Però questa volta, se sono veri i resoconti che ho raccolto dell’ultima riunione della commissione voluta da Rossi sullo stato degli atti per la Darsena Europa – quella di cui si parla qui a fianco – non mi resta che esprimere la più amara solidarietà. Perché anche su questo tema, l’impressione di chi ha partecipato all’incontro è che si stia pestando l’acqua nel mortaio. Traduco più brutalmente: Rossi è incazzato nero perché non si va avanti. E non tanto perché non si va avanti come vorrebbe e come aveva promesso lui, ma – sembra – non si va avanti e basta. Le gare più volte annunciate ancora non ci sarebbero, le caratterizzazioni delle aree devono venire, la progettazione delle opere dello Stato sono come l’Araba Fenice – che non si sa se ci sia e dove sia – e i tante volte ventilati interessamenti di grandi gruppi terminalisti per il project-financing sono anch’essi poco concreti. Senza considerare altri punti: come il continuo rinvio di scelte fondamentali come la nuova viabilità di accesso alle darsene e di attraversamento del canale dei navicelli, sulle quali ad oggi si disserta graziosamente su un “progetto Bonistalli” ma non si cava un ragno dal buco sul piano degli atti.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*