Dal mondo contro l’inquinamento

ROMA – La maggior parte degli inquinanti atmosferici sono i principali motori del cambiamento climatico globale e regionale e l’inquinamento atmosferico rappresenta oggi il maggior rischio ambientale per la salute. Lo sottolinea nel suo rapporto periodico il “Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente”. L’inquinamento atmosferico è la causa dell’11,6% di tutti i decessi mondiali, causando 7 milioni di vittime ogni anno, ovvero più del numero di persone uccise da HIV/AIDS, tubercolosi e lesioni stradali messe insieme.

Il problema è che l’inquinamento atmosferico – riferisce il rapporto non può essere sempre visto ad occhio nudo. Non porta il volto delle macchine pesanti che avvolgono i cieli di uno smog grigio, come nell’Europa del XVIII e XIX secolo. Ma non è meno dannoso per noi.

La lotta all’inquinamento atmosferico completa la nostra ricerca dell’uguaglianza, poiché colpisce in modo sproporzionato i bambini, le donne e le persone più vulnerabili. Si stima che il 90 per cento dei giovani del mondo – 1,8 miliardi di bambini – respiri aria tossica. Ogni anno 543.000 bambini di età inferiore ai cinque anni muoiono per malattie respiratorie legate all’inquinamento atmosferico. Gli studi hanno anche dimostrato che ha un effetto negativo sullo sviluppo neurologico di un bambino ed è collegato ad alcuni disturbi comportamentali come l’autismo e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

“Migliorare la qualità dell’aria è fondamentale per la salute umana, l’ambiente e per il raggiungimento degli obiettivi globali in materia di clima e sviluppo sostenibile. Esistono soluzioni convenienti, tecnologicamente praticabili e orientate al futuro, che possono essere messe in atto ora”, afferma Tiy Chung, del segretariato per la coalizione per il clima e l’aria pulita ospitato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente. “Lavorando insieme e prendendo le misure necessarie come individui, comunità, imprese e governi possiamo garantire che l’inquinamento atmosferico non faccia parte del nostro futuro”.

Un momento globale contro l’inquinamento atmosferico.

La Giornata mondiale dell’ambiente, che si è celebrata il 7 settembre, ha dato alla lotta contro l’inquinamento atmosferico una piattaforma globale attraverso la campagna #BeatAirPollution. Inoltre, è stato riconosciuto dal Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici che sono necessarie riduzioni profonde delle emissioni di metano e black carbon per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ospitato il primo vertice mondiale sull’inquinamento atmosferico e la salute nel 2018. L’OMS, l’UNEP, la Banca mondiale e la Coalizione per il clima e l’aria pulita stanno anche lavorando con le città per trovare soluzioni all’inquinamento atmosferico attraverso la campagna BreatheLife.

Un’azione fondamentale contro l’inquinamento atmosferico ha avuto luogo nel 2019, quando la Repubblica di Corea ha proposto e negoziato una risoluzione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per tenere una Giornata internazionale annuale dell’aria pulita per i cieli blu, la prima delle quali sarà osservata quest’anno il 7 settembre.

#WorldCleanAirDay mira a sensibilizzare a tutti i livelli – individuo, comunità, azienda e governo – l’importanza dell’aria pulita per la salute, la produttività, l’economia e l’ambiente, ed evidenziare le soluzioni che possono migliorare la qualità dell’aria e fornire #CleanAirForAll.

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*