L’IPSEMA: tutela per gli equipaggi

ROMA – Il consiglio di vigilanza e indirizzo dell’IPSEMA, l’istituto di previdenza per il settore marittimo italiano ha messo insieme un documento di indirizzo atto a valutare gli effetti amministrativi ed economici derivanti dalla copertura assicurativa, chiedendo che sia estesa anche contro gli atti di pirateria. Un documento che ha raccolto l’approvazione da parte del ministero del lavoro. “I lavoratori del mare – ha detto il presidente del comitato di IPSEMA Giovanni Guerisoli – vanno tutelati sempre e comunque in qualsiasi situazione; a maggior ragione quando il rischio dell’incolumità personale diventa così alto come in presenza di assalti armati alle navi mercantili”.
Il principio base a cui si fa riferimento è quello secondo il quale per la configurazione dell’occasione di lavoro (DPR n. 1124/1956 e sentenza della Suprema Corte n. 13599 del 11.06.2009) non è sufficiente che sussista la causa violenta e che tale causa abbia coinvolto l’assicurato nel luogo ove egli svolge le sue mansioni, ma è necessario che tale causa sia connessa all’attività lavorativa, nel senso cioè che inerisca a tale attività e sia almeno occasionata dal suo esercizio: tale fattispecie è propria degli eventi collegati agli atti di pirateria.
Il ministero del Lavoro fa riferimento, inoltre, anche alla possibilità che possano sussistere accanto all’ordinaria assicurazione obbligatoria anche forme di rischio che, per la loro incidenza in termini di intensità, gravità e frequenza, possono richiedere una disciplina differenziata. A tal fine il CIV dell’IPSEMA invita gli organi di gestione, anche alla luce del citato parere ministeriale, ad adottare le opportune azioni gestionali volte a garantire l’estensione, a vantaggio di tutti i lavoratori marittimi, della tutela contro il rischio infortunistico derivante dagli atti pirateschi, valutando successivamente, sulla base di dati statistici, eventuali maggiorazioni contributive.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*