Riforma come il coro dell’Aida

ROMA – Davvero, più che un’esortazione o un invito, sembra un grido di dolore. Quello di coloro che i critici accusano di difendere posizioni di privilegio o di monopolio.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*