Italiana Coke nel terminal TAFS con una nuova gru Gottwald

SAVONA – Italiana Coke – società controllata al 100% dalla famiglia Ascheri e principale punto di riferimento a livello nazionale ed europeo per la fornitura di coke destinato agli impieghi industriali nei settori automotive, siderurgico, edile, zuccheriero ed alle fonderie di ghisa – ha acquisito da Società Funiviaria Alto Tirreno (SFAT), la cui maggioranza è detenuta dalla famiglia Campostano, il 46% del capitale di Terminal Alti Fondali Savona srl (TAFS), che ha in concessione il terminal marittimo dedicato allo sbarco di rinfuse solide presso il porto di Savona. Il terminal, inaugurato nel 2005, rappresenta una delle più moderne strutture terminalistiche per lo sbarco di rinfuse solide del Mediterraneo.

La nuova compagine azionaria di TAFS risulta oggi così costituita: 46% Italiana Coke (A. Ascheri), 40% PortLog (F. Gattorno), 5% Estate (80% Euroports di proprietà del fondo di investimento canadese Brookfield, 20% Italiana Coke), 5% Unicoal (L. Moscheri e R. e GL. Eufemi) e il 4% Energy Coal (Ascheri).


Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*