“Ferro-bonus” pro e contro l’Anita è la meno convinta

Tra le critiche, quella che favorirebbe solo le grandi società penalizzando ancora di più i piccoli operatori – Previsto anche un acconto di anticipo del 20%.

ROMA – Con la solita isteresi tra gli annunci – più volte ripetuti – e la concreta decisione operativa, è finalmente partito anche il “ferro-bonus”, ovvero l’incentivo per spedire merci – specialmente di massa e di peso – sulle ferrovie invece che su gomma o comunque su connessioni intermodali.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*