Diagnosi da capo-pilota Livorno, futuro in forse

L’amara relazione del comandante Milani al Propeller – Già oggi le navi maggiori devono allibare – l’unica speranza, una velocizzazione della Piattaforma Europa

Fiorenzo Milani

LIVORNO – Un capo-pilota che sta per andarsene, una sua conferenza che entra nella carne viva del suo porto, un richiamo al realismo dei fatti e non alle illusioni delle speranze.

In un momento così delicato per il porto di Livorno, commissariato con il genovese Giuliano Gallanti – in vista di diventare presidente dell’Authority per gli ormai noti accordi politici regionali – e con il temuto stop ai progetti di accelerazione sulla “Darsena Europa”, la conferenza di lunedi sera al Propeller club del capo-pilota Fiorenzo “Cino” Milani è stata uno scossone. Salutare secondo i più, anche perchè Milani ha parlato forte e chiaro: con tutto l’amore per il porto, ma anche con la consapevolezza che un tecnico come lui non deve far politica, ovvero “melina”, e deve invece ricordare i problemi come sono, ed eventualmente indicare le soluzioni, tecniche e non politiche, per uscirne.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*