A Piombino un maxi-marina per maxi-yachts

Oltre 700 posti barca per unità da oltre 12 metri con 90 posti di lavoro previsti e nessuna operazione immobiliare – Nella cordata anche Vincenzo Onorato di “Mascalzone Latino”

PIOMBINO – Si parte con la conferenza dei servizi, ma già entro la prima metà di maggio sarà possibile presentare osservazioni ed eventuali contributi. Sono queste le prossime tappe per il grande “marina” di Poggio Batteria a Piombino, un progetto già compreso nel piano regolatore portuale e adesso perfezionato e sottoscritto da una serie di importanti imprese e imprenditori. Con alcuni elementi innovativi anche tecnici. Come ha spiegato Fabrizio Ferri, responsabile della cooperativa “L’Ormeggio” che fa parte della cordata, “il progetto iniziale (quello della nostra cartina, n.d.r.) è stato profondamente rivisto, in particolare ribaltando l’apertura, questa volta verso Poggio Batteria, per non interferire con il transito delle navi del porto commerciale”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. Non solo concordo ma credo che la valorizzazione del litorale sia una funzione fondamentale per la massimizzazione delle attività economiche non solo marittime ma anche trasversali

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*