Quei tamburi che rullavano sull’Antitrust

GENOVA – I tamburi di guerra rullavano già da parecchio tempo, sia pure in sordina. E ovviamente ciascuna delle due parti in causa, Maersk e Assagenti, forniscono versioni diverse dello “strappo”. Orazio Stella, ad di Maersk Italia, sostiene che si tratti solo di una valutazione operativa: i servizi che l’associazione può fornire, ha detto Stella, ce li possiamo fare per conto nostro (sottinteso: a costi minori e forse con maggior cura per le nostre esigenze). Giovanni Cerruti, presidente di Assagenti, da parte sua ha preferito aspettare che la faccenda decantasse prima di dire la sua.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. forse c’è anche un’altra spiegazione: il PRIMO che denuncia è esente dal pagamento delle multe!
    E’ successo anche con le multe agli spedizionieri. I denuncianti … sono stati esentati!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*