L’assedio al vertice di Assoporti. I “secessionisti” tagliano i viveri

Con il blocco dei contributi, il bilancio dell’associazione rischia la crisi – Si mobilita anche la politica ma la frattura non rientra – Le scelte di Nerli

ROMA – Qualcuno sostiene – o almeno bisbiglia – che al presidente del consiglio Monti e al superministro alle Infrastrutture Passera dei porti oggi “non gliene può fregar di meno”. Battuta che indica anche la provenienza, almeno geografica, del suddetto gossip.


Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*