Servono meno Authority e più interconnessioni

Dalla revisione del sistema portuale allo sviluppo dei collegamenti ferroviari tra porti, interporti e aeroporti – La priorità della logistica

Graziano Delrio

ROMA – La riforma dei porti va fatta, e sarà fatta presto, anche se c’è chi frena “perché qualcuno è innamorato della propria poltrona”. Linguaggio nuovo, quello che un solitamente felpato ministro Delrio ha utilizzato con questa battuta urticante al recente forum internazionale di Conftrasporto. Ma linguaggio che la dice lunga sulla volontà del governo di arrivare al dunque, scavalcando le resistenze degli “orticelli”. Perché secondo il ministro “la logistica è una delle inefficienze maggiori che questo governo ha trovato per il Paese” e occorre risolvere al più presto il problema delle connessioni tra centri logistici. “Siamo in una realtà – ha detto Delrio – in cui gli aeroporti non parlano con le ferrovie, le ferrovie non parlano con le strade, i porti e gli interporti non parlano con le ferrovie e con le strade”.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*