Ravenna in piena emergenza cabina di regia al ministero

Delrio ha deciso di assumere direttamente da Roma l’impegno di trovare soluzioni – Un porto in forte crescita ma con gravi problemi di spazi e di fondali

Graziano Delrio

ROMA – L’emergenza Ravenna, dopo le problematiche insorte sul “progettone” e la prorompente difesa della programmazione tentata dall’Authority del suo presidente Galliano Di Marco, è sfociata in una “cabina di regìa” nominata dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio all’interno dello stesso ministero. Obiettivo: individuare le soluzioni indispensabili a rimuovere gli ostacoli che stanno frenando i progetti di espansione del porto, sotto pressione per la concorrenza degli altri scali del Nord Adriatico, in particolare quelli della sponda Est e di Venezia.
Il blocco del “progettone” ha di fatto impedito ad oggi che si procedesse all’indispensabile dragaggio di un porto-canale che malgrado le difficoltà “geografiche” è per alcune merceologie il quarto porto d’Italia dopo Genova, Taranto e Livorno.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*