Ecco la Riforma portuale con la sorpresa: i presidenti da un elenco di auto-candidati

Il ministro Delrio crea un “registro” dei veri esperti in logistica e portualità dal quale saranno poi pescati i prescelti dopo aver sentito le Regioni – Il tutto si dovrebbe concludere entro la metà di settembre

Graziano Delrio

ROMA – Eccola, la riforma portuale del governo Renzi. Dopo tutta una serie di rinvii, il consiglio dei ministri l’ha varata con decreto giovedì scorso in serata. Registrando subito una pioggia di consensi, ma anche qualche motivata preoccupazione. Perché dopo tanta attesa in particolare per la fine dei tanti (troppi) commissariamenti, la “governance” (e cioè le nomine) è stata rinviata a settembre. La Federagenti ha espresso, come pubblichiamo qui a fianco, anche la “forte preoccupazione” per le voci di rinvio delle nomine, che comporta di fatto un allungamento dei vari commissariamenti.
Le voci citate da Federagenti nel frattempo sono diventate una certezza. Nel senso che il ministro Graziano Delrio ha aperto un procedimento formale di raccolta delle candidature (con relativi curricula) degli interessati a ricoprire la carica di presidente nei 15 “sistemi” portuali, per avere così a disposizione un elenco di personalità da cui lui stesso poi sceglierà i migliori. Sarà un vero e proprio atto di governo – ha detto il ministro Delrio – con il quale si intende chiudere il lungo e controverso capitolo delle indiscrezioni sui nomi, delle auto-candidature politiche, delle pressioni e del gossip.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*