Porte vinciane, c’è la fregatura

Vincenzo Ceccarelli

LIVORNO – Chi aveva sperato che la gestione delle “porte vinciane” tra lo Scolmatore dell’Arno e la Darsena Toscana finisse davvero – come aveva stabilito la legge della Regione – all’Autorità portuale labronica, non aveva fatto i conti con la politica. Al durissimo “niet” del Comune di Pisa alla legge, la Regione ha risposto prima mostrando i muscoli – “Spezzeremo le reni a Pisa” – poi con una clamorosa marcia indietro, ha deciso che le “porte” saranno gestite dall’Autorità portuale regionale e non da quella del porto di Livorno. La conferma è arrivata da un imbarazzato assessore regionale alle Infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, pressato dai cronisti nel corso del Workshop di due giorni fa alla Stazione Crociere di Livorno. Decisione non ancora operativa – ha detto Ceccarelli – ma in sostanza, in corso d’opera.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*