Il “Piggittì” in Confetra

Nereo Marcucci

ROMA – Trent’anni fa l’Italia approvò il suo primo piano generale dei trasporti. Pericoloso ricordarlo, alla luce dei tanti ritardi? Si e no. Con onestà intellettuale, nel suo libro “Quando nacque l’Italia dei trasporti” presentato martedì nella sede del CNEL per iniziativa di Conferta, Umberto Cutolo ammette che tanti impegni non sono stati mantenuti che con grande fatica (“Le resistenze, settoriali, locali, corporative, furono molteplici ed agguerrite”) ma alla fine ha prevalso la filosofia di fondo di quel progetto, quella visione integrata del sistema trasporti che trent’anni fa poteva essere vista come una intuizione futurista.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*