Sbloccato finalmente dal Cipe il piano investimenti per la Rfi

Maurizio Gentile


ROMA – Con l’ormai endemico ritardo sui programmi ufficiali del governo, il Cipe ha comunque approvato, nella seduta di lunedì scorso 7 agosto, il “contratto di programma” sugli investimenti per la tanto sospirata “cura del ferro” che dovrà portare le ferrovie italiane a un livello superiore alla media di quelle europee. Il “contratto”, che comporta stanziamenti per circa 4 miliardi di euro, entrerà definitivamente in vigore in autunno ma non ci saranno ritardi nei piani d’investimento delle ferrovie. L’ha assicurato Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi, ricordando che i finanziamenti sbloccati l’anno scorso, per la cifra record di 18 miliardi, garantiscono un “polmone” di interventi immediato, con tanti progetti già avviati. Per i 4 miliardi di quest’anno ci sarà, entro autunno, la consueta trafila della farraginosa normativa italiana: prima le commissioni parlamentari, poi il decreto alle Camere, poi infine il suggello definitivo della Corte dei conti. Ma il più, secondo Gentile, ormai è fatto.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*