AssArmatori: “Il porto ha reagito e funziona. Ma servono misure straordinarie dallo Stato”

Stefano Messina

GENOVA – “Abbiamo atteso che si svolgessero i funerali delle vittime e si consumassero in questa città i riti di un dolore che resterà per mesi e anni come una cappa, ma anche come un monito. Oggi, nel rivolgere un pensiero alle famiglie colpite dalla tragedia, non possiamo esimerci anche dal sottolineare al tempo stesso la straordinaria abnegazione delle forze dell’ordine, Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Croce Rossa, che, insieme con le Istituzioni, non hanno risparmiato un singolo uomo nell’opera di aiuto e di pronto intervento”.

Stefano Messina, presidente di AssArmatori, l’associazione che rappresenta gli armatori e le compagnie di navigazione maggiormente e storicamente presenti nel porto di Genova, con un ruolo prevalente in tutti i principali settori di traffico, dai traghetti, ai container, ai ferries, alle crociere, alle autostrade del mare formula oggi alcune proposte concrete che consentano alla città e al suo porto di essere da subito pienamente operativi.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*