Microtunnel: riparte il “porto dei miracoli”

Nella foto: Una MSC in uscita dall’avamporto di Livorno, con carico chiaramente ridotto.

LIVORNO – La filosofia speculativa sosterrà pure l’“Elogio della lentezza” (Carl Honorè) ma come è stato più volte rilevato le leggi dell’economia vanno in direzione opposta. Così è per molti dei moltissimi problemi aperti sul porto labronico, per far sì che il suo rilancio diventi realtà operativa.

Un piccolo passo in questo senso è avvenuto nei giorni scorsi, con lo sblocco – sembra finalmente definitivo – dei lavori per il microtunnel nella strettoia dell’accesso alla Darsena Toscana e al canale industriale. Lavori sospesi ormai da quasi un anno per l’inatteso allagamento del “pozzo” sul Magnale, punto futuro di arrivo del microtunnel. Ci sono voluti mesi e mesi per ricontrattare con l’impresa il supplemento di lavori. Nel frattempo si è lavorato per allargare la strettoia, puntando a 70 metri utili con fondale a 12,50 metri: il necessario per far entrare le post-Panamax di MSC e delle altre compagnie, senza costringerle ad arrivare semivuote. Per MSC, che ha investito nel Lorenzini e continua a puntare su Livorno, è indispensabile fare presto, per la sua sfida mondiale in atto dal Mediterraneo al resto delle sue rotte.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*