“Costa Deliziosa” a Venezia investita da tornado imprevisto

Nella foto: Una significativa foto del tornado che si è abbattuto in laguna.

ROMA – Per qualcuno che di mare se ne intende, siamo alla commedia del “tanto rumore per nulla”. Perché Il violento “tornado” che domenica scorsa, 7 luglio, ha improvvisamente colpito la laguna Veneta e la città di Venezia, oltre ad aver provocato un morto e distruzione, ha messo a dura prova il porto e le operazioni navali, ma soprattutto la fondamentale ed altamente qualificata macchina della sicurezza portuale. Lo sostengono i piloti del porto, che sono tra i migliori d’Italia.

Le misure messe in campo dal comandante del porto ammiraglio Pellizzari unite alla perizia tecnica dei piloti e dei servizi Tecnico-Nautici in generale – dice una nota della Federpiloti – sono state in grado di rispondere efficacemente all’emergenza climatica.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*