E allora? Speriamo di cavarcela!

LIVORNO – Un paio di lettori mi hanno bacchettato per telefono – la maledizione dei cellulari mi ha fatto rintracciare anche nell’eremo di pace dell’isola di Capraia – perché ho scritto nell’ultimo numero che c’è un eccesso di diagnosi ma nessuna terapia. Non è vero, hanno detto sia l’uno che l’altro: le terapie ci sono, solo che chi deve applicarle non lo fa.

Giusto, anzi giustissimo: ma mi sembrava che il mio modesto “fondino” sostenesse proprio questo: tantissimi convegni, tantissimi approfondimenti sui nostri problemi, tante indicazioni di cosa fare e come farlo, quasi nessuna iniziativa dei “decisori”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*