Ortona, studenti in porto

ANCONA – Il porto di Ortona, motore di futuro: è stata questa l’ispirazione per la visita degli studenti dell’Istituto Nautico Acciaiuoli-Einaudi allo scalo ortonese organizzata dell’Autorita di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale in collaborazione con la Capitaneria di Porto di Ortona, il Comune di Ortona e il Comitato porto di Ortona nell’ambito degli Italian port days 2021, promossi da Assoporti in coordinamento con le Adsp.

All’incontro con gli studenti hanno partecipato il commissario straordinario dell’AdSP del Mare Adriatico Centrale, ammiraglio Giovanni Pettorino, il comandante del porto di Ortona, capitano di fregata Francesco Scala, il sindaco di Ortona, Leo Castiglione, e il presidente del Comitato porto di Ortona, Davide Tucci.

L’ammiraglio Pettorino, ricordando la sua esperienza di studente dell’Istituto Nautico Marcantonio Colonna di Roma, ha stimolato i giovani presenti “a fare tesoro di questa giornata formativa a diretto contatto con il porto, un’opportunità di conoscenza e di consapevolezza su cui immaginare il proprio futuro all’interno di un sistema marittimo-portuale nazionale che è fondamentale per il presente e il futuro dell’Italia. Conoscenza per scoprire e comprendere come funziona concretamente lo scalo di Ortona e consapevolezza del profondo valore della ricchezza del mare, che va conosciuta e rispettata”. Agli studenti presenti, gli auguri dall’ammiraglio Pettorino di “poter affrontare gli impegni del futuro con amore e passione. Un augurio che, tramite loro, equivale a farli al nostro Paese”.

Il comandante del porto di Ortona, capitano di Fregata Francesco Scala, ha sottolineato come il porto sia un soggetto che non va avanti da solo ma che ha bisogno di tanti elementi per funzionare e progredire, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, Capitaneria, istituzioni come il Comune e il Comitato porto di Ortona e tutti gli operatori portuali. Tutti insieme protagonisti di una comunità produttiva.

Gli studenti del Nautico, accompagnati dagli uomini della Capitaneria e dagli operatori portuali, hanno poi visitato la banchina commerciale, il Mandracchio e la banchina di Riva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*