Sponda Est sperando nella Befana

LIVORNO – Peccato, pare non sia andata bene. Fino alla vigilia di Natale sembrava fosse concluso l’accordo del secolo sulla sponda Est della Darsena Toscana, sul quale avevano tessuto una paziente tela Luciano Guerrieri ed Enio Lorenzini: più aree al terminal delle navi di MSC, oggi costrette a una rottura di carico con l’utilizzo (certo non gratuito) di spazi privati all’interno e all’esterno.

Enio non parla, ma dicono stia schiumando rabbia. Per lui è fondamentale allargare il suo (e di MSC) terminal in attesa della Darsena Europa. Ma se lui non parla, le voci degli altri corrono: la sospirata pace non c’è stata e la proposta di Guerrieri è saltata per alcune clausole. Chi si è messo di traverso avrebbe contestato proprio una questione di clausole. Ovviamente, non secondarie.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*