“Siraj Ibrahim” di Mario Vierucci

C’è chi scrive per mestiere, chi oltre al mestiere ci mette anche la passione e infine c’è chi, come Mario Vierucci, scrive solo ed esclusivamente per passione.  O meglio: per trasmettere attraverso le parole – che siano prosa o poesia è lo stesso, lui è bravo in entrambe – messaggi di emozioni e di sentimenti.

Anche in questo secondo piccolo e prezioso libro (che segue “Una vita nel deserto” di tre anni fa) i misteri dell’anima fanno da protagonisti della vicenda. Con un po’ di esoterismo, con la giusta dose di colloqui immaginari che però si raccordano bene con il tema, e con un titolo che a prima vista sembra ermetico: Siraj Ibrahim”; ma si capisce bene che è un nome e cognome, entrambi tipici della sponda sud orientale del Mediterraneo. Dove la poesia è impastata con l’aria stessa, dove la realtà ha mille facce e dove la spiritualità apre porte che altrimenti non sarebbero mai dischiuse. Una parentesi: Mario Vierucci non è di primo pelo, ha collaborato a lungo con l’agenzia marittima Aldo Spadoni, e conosce molto bene tutto il mondo dell’anima e delle passioni.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*