Sicurezza sul lavoro e illeciti nei terminal

Approfonditi gli aspetti delle responsabilità di imprese e terminalisti – Il problema dei crescenti impegni cartacei con le recenti richieste del SID – Gli sviluppi

Il tavolo della presidenza del seminario.

LIVORNO – Un tema tosto, quello del seminario formativo dell’Authority livornese di martedì scorso: “Sistemi di gestione sulla sicurezza del lavoro e la responsabilità delle imprese o terminal portuali per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato”. Un tema anche difficile: ma vista l’affluenza che si è registrata nella sala del Centro di Formazione dell’Autorità portuale (area stazione traghetti) un tema anche estremamente centrato, perché le responsabilità delle imprese e dei terminal portuali sugli illeciti stanno diventando per molti una spada di Damocle sulla quale è opportuno avere il massimo delle informazioni. E della formazione per difendersi.
Ne hanno parlato, praticamente per tutta la giornata, il segretario generale della Port Authority Massimo Provinciali, la dirigente Antonella Querci, e alcuni esperti anche degli stessi terminal, a cominciare dal TDT che ha riferito di preziose esperienze. Ospite d’onore, ovviamente molto addentro al problema, l’ex Pg della Toscana Beniamino Deidda. Nella sostanza si è trattato di un vero e proprio corso, che specie nella parte finale si è aperto alle domande e ovviamente ai chiarimenti.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*