Enzo Raugei: un genovese non ci spaventa

Enzo Raugei

LIVORNO – “Siamo in uno dei momenti peggiori che il porto abbia mai attraversato”.

Non fa sconti sul giudizio Enzo Raugei, presidente del gruppo Cilp, la compagnia portuali-impresa ancor oggi considerata tra le più potenti in Italia. La vicenda Authority, con il defenestramento di Roberto Piccini, gli brucia perché ha colpito “uno dei figli della Compagnia”, ma non fino al punto di non essersi allineato alla realpolitik locale. “Se Roberto ce l’avesse fatta saremmo stati con lui fino in fondo – dice Raugei – ma se dovremo arrivare alla seconda terna, come sembra dagli accordi tra Roma e Firenze, a questo punto dovremmo cercare il meglio sul mercato, non limitandoci a quello livornese”.

Ma Gallanti rappresenta davvero per lei il meglio?

”Non conosco il personaggio, se non di fama: e indubbiamente è di alto livello. Ma non avrei escluso, né escludo ad oggi, altri livornesi altrettanto quotati: per esempio il presidente di Assoporti Francesco Nerli”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*