Navi al risparmio

L’assurdo italiano, senza stazioni di rifornimento

ROMA – La parola d’ordine rimane la stessa da quando è scoppiata la crisi dei trasporti: consumare di meno. Ma con una nuova valenza: invece di buttar via le navi con una certa età e sostituirle con quelle eco-friendly proposte da molti cantieri, meglio intervenire con il refitting di quelle usate, almeno fino a quando non ci sarà una ripresa decisa.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*