Bilancio Ok e nuovi eletti al vertice

Franco Pasqualetti

PADOVA – L’assemblea dei soci dell’interporto ha approvato all’unanimità il progetto di bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2020. Il documento, riferisce il portavoce dell’assemblea si chiude come segue: UTILE prima delle imposte per 2.806.336 Euro, mentre il risultato finale netto è positivo per 2.301.624 Euro; L’EBITDA (il differenziale tra il valore della produzione e i costi della produzione, depurato degli ammortamenti, degli accantonamenti e dei contributi vari) è pari a 11,3 milioni di Euro (32%); L’EBIT (risultato aziendale prima delle imposte e degli oneri finanziari) è pari a 5,7 milioni di Euro; valore della produzione complessivo pari a 36,8 milioni di Euro (+7,71%).

Nel corso della relazione strategica al bilancio il consiglio uscente ha anche posto agli azionisti la questione del progetto di completamento dell’Idrovia Padova-Venezia su una cui mozione si è precedentemente espresso il Parlamento. Da parte dell’assemblea è stata confermata la necessità dell’opera dal punto di vista della salvaguardia idraulica, ma la non utilità dal punto di vista trasportistico.

L’assemblea ha poi nominato il nuovo consiglio di amministrazione e il collegio sindacale che resteranno in carica fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2023.

Il Consiglio è così composto: 1. Presidente Franco Pasqualetti; 2. Umberto Zampieri; 3. Mario Liccardo; 4. Katià Pizzocchero; 5. Barbara Degani; 6. Nicoletta Salvagnini; 7. Ugo Campagnaro; 8. Alberto Cecolin; 9. Massimiliano Pellizzari.

Collegio Sindacale: 1. Presidente Mariavittoria Cacace; 2. Stefano Tosato; 3. Antonio Magnan.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*