Colapesce e la Sicilia

LIVORNO – Mi consento, come diceva qualcuno ben più importante di me, uno strappo poetico sulla Sicilia a una delle sue più care leggende: quella di Colapesce. Ve ne propongo una lettura qui a fianco.

Me lo permetto, e chiedo scusa agli eventuali lettori poco convinti, per due motivi.

Il primo: siamo ormai in pieno agosto, metà delle consuete attività pubbliche (alcune private) hanno chiuso i battenti e quindi c’è aria di alleggerimento generale in vista del clou dell’estate.

Il secondo: il rilancio del ponte di Messina fatto dal governo ripropone una sofferta storia della Sicilia sempre separata dall’Italia malgrado la sua italianità, sempre in bilico tra fare o non far parte dell’Europa storica, logistica e culturale. La splendore di Palermo, di Catania, di Trapani non ha bisogno di elegie.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*