Robot marini “copiati” dagli animali per fini ambientali, logistici e militari

All’avanguardia le aragoste meccaniche per fiutare le mine, mentre al Sant’Anna di Pisa si studia il polpo sintetico e una piattaforma che scopre gli inquinamenti e le loro fonti

Paolo Dario

PISA – Per qualcuno è più che altro un giocare alla fantascienza applicata. Ma di recente gli studi e le applicazioni del “Centro di Ricerca per le Tecnologie del mare e la Robotica Marina” della scuola superiore di Sant’Anna hanno avuto l’onore di pregevoli pubblicazioni scientifiche internazionali. E il professor Paolo Dario, docente di robotica biomedica della stessa scuola, nonché coordinatore dei laboratori ART e CRIM di robotica avanzata e micro e nano-ingegneria del polo San’Anna-Valdera è stato più volte invitato in Giappone a dar lezioni nel suo campo.

Cecilia Laschi

Perché alcuni dei progetti della scuola – in parte realizzati anche nel centro di ricerche dello Scoglio della Regina di Livorno, in collaborazione con la WASS del gruppo Alenia – stanno diventando di interesse globale. Per lo studio dei fondali marini, per il monitoraggio ambientale, ma anche nel campo della sicurezza marittima, delle riparazioni navali, della logistica portuale, dell’archeologia sub: e perché no, anche in campo militare. Già da tempo vari tipi di robot vengono utilizzati per lavori offshore in profondità, manutenzione di oleodotti sottomarini, eccetera.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*