Sulle idrovie un convegno a Ferrara

FERRARA – I fiumi non solo come elementi di allarme protezione civile come in questi giorni, ma un patrimonio da valorizzare e da specializzare come idrovie.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. La mia proposta per rivoluzionare i trasporti in Europa:
    Prendere in considerazione l‘innovatissimo Progetto Tirol-Adria, che, in prima linea, intende realizzare il collegamento delle idrovie interne europee attraverso il canale transalpino Danubio-Tirol-Adria con lo scopo di trasferire alla navigazione fluviale e marittima gran parte del trasporto merci nazionale ed internazionale evitando così, tra l’altro, la costruzione di 3 grandi opere, e cioè
    a) della Galleria di base del Brennero con le relative linee d’accesso, di cui 150 km pure in galleria,
    b) del Ponte sullo Stretto di Messina ed infine
    c) del tunnel ferroviario tra Lyon-Torino per il TAV del corridoio 5 Lissabona- Kiev, che con la idrovia Danubio ottiene un ottimo collegamento est-ovest.
    Il Progetto Tirol-Adria comprende un finanziamento, che non aggrava le finanze pubbliche.. Il relativo risparmio per lo Stato ammonterebbe a ca. 50 miliardi di Euro.

    Il canale transalpino collegherà attraverso le idrovie interne tutti i mari d’Europa, e cioè Mediterraneo, Mare del Nord, Mar Baltico, Mar Nero e, sulla rete fluviale russa, il Mar Bianco ed il Mar Caspio. Tutte le reti di comunicazione nazionali sono collegati tra di loro, unicamente la rete fluviale e costiera italiana è ancora da collegare con la rete vasta delle idrovie interne (100.000 km nell’Europa fino all’Urale!). Aumenterà le prospettive negli Stati adiacenti all’Adriatico ed integrerà meglio il Mediterraneo al continente europeo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*