Condannati a Roma i pirati che assalirono la “Montecristo”

Diciannove anni di reclusione al capo della banda: ma non è stata riconosciuta l’aggravante del terrorismo – La nave è ancora impegnata in acque “pericolose”

ROMA – Si concluderà solo la prossima settimana, giovedì 31 gennaio, il processo alla corte d’Assise di Roma contro i pirati che il 10 ottobre del 2011 assalirono la motonave “Montecristo” al largo delle coste somale, ma non riuscirono a dirottarla grazie alla resistenza dell’equipaggio che si chiuse nella “cittadella” della nave e bloccò il timone. La “Montecristo” fu liberata in tempo record da un commando delle forze internazionali che pattugliavano – e ancora oggi pattugliano – le aree a rischio davanti al Corno d’Africa. I pirati somali furono trasferiti poi nelle carceri italiane e per la prima volta sono stati giudicati da un nostro tribunale.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*