“O Liburnia!” di Mario Vierucci

LIVORNO – Devo confessare, per onestà intellettuale, che parecchi libri di autori contemporanei mi annoiano. E che se finisco per leggerli davvero è per dovere di cronista, oltre che per cortesia (ho scribacchiato libri anch’io e conosco la frustrazione di chi dubita di non essere letto).
Devo quindi confessare, non senza sorpresa, che questo agile libretto con quattro racconti mi è subito garbato; e vi ho colto non solo una notevole piacevolezza di scrittura ma anche un tocco raffinato di riverente ironia verso la città, verso la sua storia, verso la sua gente e i suoi miti. Sublimi nella loro ambientazione per esempio (terza parte della storia del console Wìlly, il primo racconto) i versi dello stornello boccaccesco tanto noto alle vecchie generazioni:
Nel porto di Livorno,
non c’è più pesci
che m’importa bimba
se mi lasci…
(e Vierucci lascia in sospeso il resto della strofa, che per doveroso rispetto storico mi sento invece di completare)
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*