Direttiva UE penalizza le concessioni nei porti

L’imporre la gara alla scadenza favorisce i porti del Nord Europa che hanno un regime di affitto – L’appello di Assiterminal

Marco Conforti

BRUXELLES – lI parlamento europeo si dovrebbe essere pronunciato ieri sera sulla proposta di direttiva UE 897/2011 che rivoluzionerà – sia pure non immediatamente – le concessioni demaniali anche sui porti. Così come proposta, la direttiva è apparsa come un ennesimo calcio negli stinchi alla portualità mediterranea a favore di quella del Nord Europa: con la discriminante che per le concessioni demaniali – sistema in uso nei porti mediterranei ma non in quelli del range del Nord Europa – è prevista la gara a scadenza, mentre per gli affitti delle aree – sistema in uso dall’Olanda al Belgio e alla Germania – non vengono imposti nuovi vincoli.
In un suo recente intervento il presidente di Assiterminal Marco Conforti, che fa parte dell’esecutivo dell’associazione dei terminalisti europei Feport, ha messo in guardia l’Italia.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*