A Piombino il relitto Concordia ma la Vicari (Palermo) non molla

Già partiti i lavori di approntamento del cantiere mentre la Conferenza regionale dei servizi da nuovi incentivi – Il “forcing” dei palermitani come alternativa alla demolizione

FIRENZE – La Conferenza dei servizi regionale, tenutasi lunedì alla presenza del presidente toscano Enrico Rossi, ha ribadito quanto già affermato dal vicepresidente della commissione europea all’industria Antonio Tajani sulla scelta di Piombino come sito di demolizione della Concordia: occorre accelerare al massimo i lavori del nuovo porto perché l’Europa stessa è contraria a mandare in giro per il Mediterraneo il grande relitto: e perché la Toscana – ha ribadito Rossi – deve avere almeno un risarcimento morale per la tragedia del Giglio.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*