Il “Nos Aries” dell’impresa Neri al recupero nella navetta ESA

Il “supply” costruito in Cina sarà al centro dell’operazione che si svolgerà nel prossimo ottobre con base di partenza a Panama – L’impegno della storica impresa livornese

Il supply vassel “Nos Aries”.

TORINO – L’agenzia spaziale europea ESA lancerà nel prossimo ottobre il suo primo veicolo sperimentale sub-orbitale IXV, che dovrà testare l’intero sistema di lancio e di controllo sia nel volo che nel rientro, con previsto ammaraggio nel pacifico. E tutta la delicata operazione del controllo dell’orbita di rientro, fino al recupero della navetta in mare, è stata vinta con apposita gara dalla Fratelli Neri di Livorno, in joint con la Intermare di Genova.
Un’operazione, questa della navetta ESA, di cui Piero Neri è particolarmente orgoglioso, perché segna l’ingresso della sua società – specializzata in salvataggio, recuperi navali ma anche grandi lavori sempre sul mare – in un campo ad oggi totalmente innovativo, lo spazio.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*