Netto no alla soluzione canale Vittorio Emanuele

Occorre mantenere separati i flussi commerciali da quelli dei passeggeri – Le cifre dei transiti

VENEZIA – Pur rilevando con favore che la scelta del governo sia quella di mantenere la centralità della Marittima di Venezia quale terminal per il traffico passeggeri, l’Associazione Agenti Raccomandatari e Mediatori Marittimi del Veneto “manifesta ancora una volta la più viva preoccupazione per la possibile interferenza che si verrebbe a creare se il progetto che venisse alla fine prescelto per far raggiungere le navi passeggeri il terminal di Marittima fosse quello del canale Vittorio Emanuele (utilizzando quindi il bacino di evoluzione n.1 di Portomarghera)”.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*