L’economia marittima vale 40 miliardi

Fondamentale (Fuochi, Propeller Milano) coinvolgere le associazioni di settore nel piano della logistica

Nella foto: (da sinistra) Paolo d’Amico, presidente della Federazione del Mare, Marcello Sala, vice presidente del Consiglio di Gestione di Intesa San Paolo, Koji Sekimizu segretario generale IMO, l’ammiraglio Felicio Angrisano, comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Umberto Masucci, presidente del Propeller Napoli.

NAPOLI – Durante la Naples Shipping Week, Riccardo Fuochi, presidente del The International Propeller Club di Milano ha dichiarato: “La logistica deve diventare una priorità nell’agenda del Governo ed è importante ottenere un coinvolgimento di tutte le associazioni del settore per la realizzazione di una proposta politica nazionale. In quest’ottica vedrei la ricostituzione della Consulta dei Trasporti e della logistica da cui è derivato il Piano della Logistica che in diversi aspetti conteneva elementi estremamente validi. E’ perfettamente inutile ripartire da capo quando si è svolto un lavoro così importante con l’audizione ed il coinvolgimento di tutti i componenti della supply chain. E’ fondamentale che la logistica venga considerata dalla politica come “industria” e che le aziende del settore si comportino come tale e non solo come provider di servizi. In questo modo si potrebbe fare sistema con il settore manifatturiero e contribuire in modo concreto al rilancio dell’economia e all’aumento dell’occupazione”.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*