Onorato attacca ancora

Vincenzo Onorato

MILANO – La Vis polemica di Vincenzo Onorato, patron del gruppo di cui fanno parte Moby Lines, Tirrenia e Toremar, non s’attenua nemmeno con i caldi d’agosto. “Il Direttore Generale del Ministero dei Trasporti, Mauro Coletta – scrive l’armatore in una nota diffusa nei giorni scorsi – ha convocato le associazioni degli armatori, Confitarma ed Assarmatori, per discutere del Registro Internazionale. Ma usciamo dal tecnicismo:  cos’è’ il Registro Internazionale? “

“Con una vecchia legge, la n. 30 del 1998 – continua Onorato – veniva concessa agli armatori italiani la quasi totale defiscalizzazione dei profitti. Domanda: chi in Italia non paga le tasse? Solo gli armatori! Ma non basta. Noi armatori abbiamo anche ottenuto lo sgravio dei contributi per i marittimi. Tutta questa generosità da parte dello Stato pretendeva un impegno da parte di noi armatori ad imbarcare allora marittimi italiani, oggi comunitari. Gli armatori italiani si sono presi la defiscalizzazione e gli altri privilegi ed hanno invece cominciato ad imbarcare marittimi extracomunitari a stipendi da fame. La maggior parte degli extracomunitari imbarcati su navi italiane – e vi ricordo che una nave di bandiera italiana è un pezzo dello Stato Italiano ovunque essa si trovi nel mondo – non percepiscono realmente più di una manciata di dollari al mese”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*