I vaccini e le priorità

Enrico Bonistalli

LIVORNO – Il tono è cortese, nel rispetto dei ruoli e delle cariche. Ma la lettera che il presidente dell’Asamar Toscana, Enrico Bonistalli, ha inviato al presidente della Regione Toscana Ledo Gori entra nel vivo del problema delle categorie a rischio. Ovvero: nella penuria ancora attuale dei vaccini anti-Covid, alcune categorie di lavoratori, come gli agenti marittimi e il personale delle agenzie che sono a diretto contatto con il mondo della logistica, non sembrano avere l’attenzione che meritano. Sottovalutazione, dimenticanza o qualche altra categoria è – come dice la celebre e amara definizione di Orwell nella “Fattoria degli animali” – più uguale delle altre?

Ecco la nota di Bonistalli al presidente Gori. Nella speranza che ci sia una pronta risposta. E con i fatti.

*

“Gentilissimo dottor Gori nel più alto senso di solidarietà, con piacere, registriamo il corridoio di favore che, recentemente, è stato riconosciuto alla categoria degli avvocati, per quanto riguarda il programma di vaccinazione.

“Credo sia stata una scelta saggia da parte di codesta amministrazione, in ragione della quale un’intera categoria, evidentemente esposta ad un significativo rischio di contagio, è stata opportunamente tutelata.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*