Gigantismo navale: conviene davvero?

BRUXELLES – L’interrogativo circola da qualche tempo: e adesso l’eurodeputata Jutta Paulus e l’eurodeputata Vera Tax hanno programmato una discussione online, il 15 giugno dalle 13,30 alle 15,30, su uno dei temi più delicati e dibattiti nel mondo dello shipping: la crescita delle navi fullcontainer e le conseguenze sui porti, ma anche più in generale sulla catena logistica. Il tema è particolarmente delicato per i porti italiani storici.

FEPORT, altre organizzazioni della catena logistica marittima e NOGs prenderanno parte al dibattito.

“Il recente blocco del Canale di Suez da parte di una grande nave portacontainer – riferiscono le due eurodeputate – ha sollevato interrogativi sulle mega-navi nel mercato dei trasporti marittimi di linea.

La messa a terra della grande nave container Evergreen ha messo in luce un rischio reale, che gli esperti e le ONG del mondo marittimo temevano che accadesse.

Osservatori ed esperti sono rimasti colpiti dalla vulnerabilità delle catene di approvvigionamento dell’UE e dalla loro dipendenza da prodotti, materiali e pezzi di ricambio che provengono da altre parti del mondo.

“Le navi portacontainer sono cresciute negli ultimi decenni a causa di una continua ricerca di economie di scala. In passato, ciò ha contribuito a ridurre i costi del trasporto marittimo che ha facilitato il commercio globale. Tuttavia, l’aumento delle dimensioni delle navi portacontainer ha conseguenze ambientali e sociali per il resto della catena di trasporto. Le grandi navi – dice l’invito al dibattito – richiedono adattamenti infrastrutturali e livelli di produttività che aumentano i costi per altri soggetti interessati nella catena di approvvigionamento.

Inoltre, le grandi navi provocano picchi nei porti e mettono a dura prova i trasporti nell’entroterra. Questi picchi sono spesso seguiti da periodi di disoccupazione tecnica per i lavoratori portuali.

La congestione diventa spesso inevitabile poiché le navi hinterland o feeder non sono sempre in grado di assorbire il flusso eccezionale di container scaricati.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*