Intesa Inail Campania-Assarmatori

NAPOLI – L’Inail – Direzione Regionale Campania – e Assarmatori, l’Associazione aderente a Conftrasporto-Confcommercio che riunisce armatori italiani, europei e di Paesi terzi che operano regolarmente in Italia sono i firmatari di un protocollo d’intesa per promuovere ulteriormente la cultura della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, con studi e approfondimenti di soluzioni tecnologiche innovative, nonché con l’implementazione e la diffusione di modelli di gestione integrata dei rischi nei contesti lavorativi marittimi e portuali.

Tutto si è svolto a bordo della motonave GNV Aries, ormeggiata nel porto di Napoli, che hanno accolto numerosi rappresentanti di società armatoriali, della cantieristica, del settore terminalistico e portuale, nonché esponenti delle locali Autorità.

Moderato da Giuseppe Di Palo, training office manager di Oltremare Scarl, sono intervenuti il direttore regionale Inail Campania, Daniele Leone, il dirigente Affari Generali e Politiche Marittime di Assarmatori e ad di Oltremare Scarl, Giovanni Massimiliano Consoli, l’ad de La Nuova Meccanica Navale, Anna Ummarino, e il comandante di Armamento di Grandi Navi Veloci, Antonio Cecere.

Per Daniele Leone, direttore regionale Inail Campania questo progetto, grazie ad apposite interlocuzioni con Istituti secondari e Università, “mira ad un diretto coinvolgimento dei giovani per avvicinarli non solo al mondo del lavoro ma anche a sviluppare una completa cultura ai temi della sicurezza e della prevenzione in ambito lavorativo, cultura che deve essere interiorizzata ad ogni livello aziendale, dagli impiegati e gli operai fino al datore di lavoro”.

Giovanni Massimiliano Consoli ha spiegato che Assarmatori infatti è proprietaria di una società di scopo operativa, Oltremare Scarl, proprio a Napoli che si occupa principalmente di formazione rivolta sia al personale impiegato a terra sia alla gente di mare.

Particolare attenzione al coinvolgimento dei giovani nelle iniziative oggetto del protocollo di intesa è stata posta da Anna Ummarino (ceo La Nuova Meccanica Navale) e da Antonio Cecere (comandante d’Armamento GNV) i quali hanno auspicato ad una semplificazione delle procedure burocratiche attualmente vigenti, che impattano a volte pesantemente sul comparto, così da poter garantire una maggiore attrattività del settore.

La seconda parte dell’incontro Pasquale Addonizio, direttore Unità operativa territoriale di certificazione, verifica e ricerca Inail Napoli ha sottolineato la necessità di una fattiva collaborazione volta alla diffusione della cultura della prevenzione di infortuni e malattie professionali, evidenziando anche che il protocollo Inail-Assarmatori è nato dall’esigenza di un confronto diretto con chi vive quotidianamente l’ambito professionale marittimo-portuale con l’obbiettivo di dare un supporto tecnico-scientifico ad una maggiore diffusione della cultura della sicurezza.

Il tecnologo Inail Uot Cvr Napoli Nicola Pedicini ha discusso dei fondamentali temi di prevenzione e sicurezza in area portuale con i relativi obiettivi di implementazione delle adeguate e necessarie misure di tutela e mitigazione dei rischi.

Maggiore enfasi sui rischi connessi al settore della cantieristica navale e relative modalità di prevenzione è stato posto da Umberto Manfellotto, technical manager de La Nuova Meccanica Navale.

Ha chiuso i lavori il medico del lavoro Giuseppe Cascone analizzando i significativi dati inerenti l’indice degli infortuni nell’ambito della cantieristica navale, evidenziando e sintetizzando in chiusura lo scopo primario del protocollo presentato: “Creare un mondo migliore, salubre e sicuro in ambito lavorativo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*