E i TEU ora stra-costano

Andrea Monti

LIVORNO – La logistica marittima – e di conseguenza su tutta la catena intermodale – è sulle montagne russe. Costi dei contenitori alle stelle, costo dei trasporti di conseguenza, concentrazione dei traffici in alcuni porti – Singapore con un migliaio di navi in rada in attesa, Rotterdam intasata, porti del Messico ancora di più – con ritardi anche di due settimane nelle operazioni, incidenza sui costi degli armatori dei certificati ambientali da acquistare per le normative IMO, navi cariche da Cina a occidente e quasi vuote al ritorno…
Ne parliamo nella consueta analisi mensile, con l’amico Andrea Monti, top manager di So.Ge.Se. di Guasticce, che ha ramificazioni in tutti i continenti.

Siamo di nuovo con i costi impennati, e con i Teu che sono diventati preziosi…
“Basta pensare che gli ordini di contenitori nuovi in Cina, principale produttore mondiale, non possono essere evasi prima di ottobre.
Così un contenitore usato che fino a un mese fa costava 1850 dollari oggi ne costa 3250, a patto di trovarlo.
Il tutto deriva anche da uno squilibrio davvero eccezionale dei traffici marittimi: che dalla Cina agli USA, attraverso il Messico, e dalla Cina all’Europa, sono al full delle navi portacontainers, le quali però al ritorno viaggiano con larghi vuoti.
Morale: oggi la tariffa Cina-Genova, con il periplo dell’Africa e quindi con più consumo di carburante e anche con l’aggravio dei tempi, costa per un 40 piedi circa 5 mila dollari contro i 2500 di un mese fa. Cito solo queste poche cifre, ma che danno il quadro della situazione reale”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*