Un Tavolo per lo sviluppo

Giorgio Kutufà

LIVORNO – Il Tavolo strategico per lo sviluppo del territorio si è riunito, in seduta plenaria, presso la sede dell’Autorità Portuale di Livorno. Obiettivo dell’incontro la conclusione della fase preparatoria dei lavori per la redazione del documento finale nel quale definire le linee strategiche di sviluppo condivise da tutti i soggetti partecipanti. Alla riunione erano presenti le istituzioni locali – Provincia, Comuni, Autorità Portuali di Livorno e Piombino, Camera di Commercio – la Spil, l’Interporto Vespucci, le associazioni di categoria e i sindacati. L’assessore provinciale alla programmazione territoriale, Piero Nocchi ha illustrato la bozza di documento che vede nella condivisione delle scelte e nella compattezza tra istituzioni e soggetti economici e sociali, la base necessaria per rilanciare e rafforzare lo sviluppo locale.

Economia del mare, sostenibilità, innovazione e conoscenza sono la cornice entro la quale definire le proposte operative che impegneranno i partecipanti nel comune obiettivo di superare la crisi.

Nel documento non manca un’analisi sui punti di forza e sui limiti dell’economia livornese, ulteriormente approfonditi nella relazione “Livorno e l’economia del mare” realizzata dall’Irpet, la cui sintesi è stata illustrata da Stefano Casini Benvenuti.

Apprezzamento per il lavoro svolto dalla Provincia è stato espresso da tutti i partecipanti – dice una nota ufficiale – i quali hanno, inoltre, posto l’attenzione su alcuni aspetti che saranno oggetto di approfondimento negli specifici tavoli di lavoro, la cui prossima costituzione è stata annunciata dal presidente della Provincia. Giorgio Kutufà, nell’intervento che ha concluso l’incontro: ”Costruiamo insieme il futuro – ha detto – è lo slogan che ci siamo dati e che ben rappresenta lo spirito con cui intendiamo portare avanti questo importante impegno. La piena condivisione di un’idea di sviluppo e la coesione di tutti i soggetti, pubblici e privati, è la condizione essenziale per il rilancio economico e sociale del territorio”.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*