Il “Baltic Dry Index” ai minimi storici

Nel grafico: L’andamento del BDI dal gennaio 2018 al gennaio 2019. Nella foto, la nuova “Cosco Shipping Solar” da 21 mila Teu.

ROMA – Rimbalzato su alcuni quotidiani anche italiani il mese scorso, il BDI (Baltic Dry Index) che misura l’andamento dei noli nelle principali categorie di trasporto marittimo Dry (esclusi cioè petrolio e gas vari) sembra in caduta libera dopo il picco positivo della scorsa estate. Come si vede dal grafico, che però si ferma allo scorso gennaio, siamo in uno dei momenti più negativi per il comparto, con pesanti conseguenze sull’armamento meno “robusto”. Da sottolineare che l’indice non riguarda i contenitori, che stanno però anch’essi  registrando sofferenze per l’eccesso di offerta di trasporto rispetto alla richiesta. Un’offerta che è anche dovuta al crescente ingresso in linea di navi fullcontainers con sempre maggiori portate (l’ultima di Cosco, la “Solar” è accreditata per 21 mila Teu).

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*