Per Piombino un decreto Clini pro Concordia

Corrado Clini

ROMA – Potrebbe arrivare venerdì 8 marzo il decreto del ministro dell’Ambiente (pro tempore) Corrado Clini che vara una serie di interventi urgenti per il porto di Piombino, utili per approfondire in tempi strettissimi i fondali a 20 metri e a predisporre le banchine secondo il piano regolatore approvato da tempo. E’ la risposta che Clini ha dato al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi dopo che le prime anticipazioni da Londra hanno descritto una Costa Crociere dichiaratamente contraria a portare a Piombino il relitto della Concordia. Costa si sarebbe appellata alla mancanza di strutture e di fondali sufficienti. Da qui il pressing di Rossi su Clini – peraltro più che convinto sull’ipotesi Piombino – per un decreto che consenta di mettere rapidamente in condizioni il porto toscano di ricevere il relitto.
Nella vicenda ci sono, ovviamente, alcuni elementi assai atipici. Il primo: il ministro dell’Ambiente firmerà (o firmerebbe) un decreto che riguarda prioritariamente il collega delle Infrastrutture e Trasporti, che su tutta la vicenda della Concordia è rimasto singolarmente dormiente.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*