Presentato il sigillo Leghorn che sarà in funzione al LSCT

L’elettronica avanzata al servizio della logistica e della sicurezza dei containers – Le dichiarazioni del presidente della Port Authority Lorenzo Forcieri

Il saluto del presidente Forcieri e al tavolo i vertici Leghorn.

LA SPEZIA – Si è tenuta a Porto Lotti la presentazione dell’innovativo sigillo elettronico Neptuneseal Rfid Antitamper della Leghorn. In collaborazione con La Spezia Container Terminal (gruppo Contship) ed alla presenza delle autorità locali e dei maggiori operatori logistici, il presidente della società livornese leader europeo del settore, Luciano Grapsa, ed il suo team composto dal general manager Alex Le Clef ed il consulente Alessandro Paternostro, hanno presentato il loro sistema di sicurezza a tutto tondo per i containers, già operativo ad Anversa ed a Rotterdam. Ad aprire gli interventi il presidente dell’Autorithy spezzina Lorenzo Forcieri che ha sottolineato la predisposizione dell’ente e degli operatori verso tutto quello che è informatizzazione ed automazione, così da intravedere per il prodotto prospettive molto interessanti: “Abbiamo aperto un rapporto di questo tipo in questi giorni con la Corea –  ha detto il presidente – ed a breve sarà realtà una linea di controllo ininterrotta tra porto di Busan, porto di Spezia fino all’interporto di Melzo che potrà giovarsi dei sistemi della Leghorn, unitamente ai nostri ed alla piattaforma informatica A.P. Net che stiamo predisponendo e che diverrà l’interfaccia di tutti i sistemi che operano nel nostro porto”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*